Aveva tutte le caratteristiche del tormentone: un ritornello orecchiabile, la presenza dell’immancabile J-Ax (più diffuso del prezzemolo: ormai non esce più un pezzo senza una parte rappata da lui) assieme a Nina Zilli – bravissima cantante, ma con un trascorso da giudice di talent show e questo non guasta – e Danti, rapper e autore di artisti come Francesco Renga, Annalisa e lo stesso J-Ax.

Forse «Tu e d’Io» non ha sfondato come ci si poteva immaginare, ma un segno quel milione di visualizzazioni su Youtube (senza considerare Spotify e radio varie) l’avrà pure lasciato.

Nella canzone c’è una dichiarazione d’amore: «Se ci sei tu / anche Milano sembra Rio», che in qualche modo ricorda un’altra canzone di J-Ax («Cosa importa se sognavi Puerto Rico? / Ma se restiamo insieme sembra un paradiso anche Ostia Lido»). Tutto il resto è un’esibizione di doppi sensi tra sacro e profano, condita dal video che, al di là dell’ironia nonsense-demenziale di Maccio Capatonda, vede J-Ax cantare vestito da suora.

Il brano si inserisce in un filone ormai rodato: che non esprime – anche in forma polemica, perché no? – un sentimento religioso, ma dove ci si diverte a costruire giochi di parole più o meno irriverenti («Gesù Cristo sono io» di Levante) o ci si limita a dire che si preferisce farne senza («Mi sento bene», Arisa).

«Ave Maria piena di ansia» è l’incipit, mentre l’immagine del singolo richiama la Creazione di Adamo del Michelangelo, solo che tra le due mani c’è il passaggio di un calice di vino.

La canzone gioca tra religioso e demenziale, e il sospetto è che voglia rivelare quella che – per chi l’ha composta e chi la canta – è la dimensione demenziale del religioso. Con qualche passaggio di cattivo gusto, tra una bestemmia sottintesa («Sono credente a modo mio / La seconda cosa che dico appena mi sveglio è Dio») e l’immancabile riferimento alla cannabis: «Sono un santo con l’aureola di cbt», giusto per sorridere pensando ai clericaloni che si scandalizzeranno. Ci sono comunque flash suggestivi («Gesù ha iniziato con 12 follower e un hater», sarebbero undici e uno ma non facciamo i pignoli) e un condimento di parole come «fede» e «miracoli», quest’ultima usata per dire alla Madonna di piangere vino – e non sangue –, raccoglierlo con due calici e bere allegramente. Davvero fa così ridere? Segnaliamo poi il riferimento a due episodi evangelici, ovviamente rimodellati a uso e consumo della canzone: le nozze di Cana («Tu porta l’acqua che al vino ci penso io») e l’adultera condannata («Si lo ammetto ho ballato Despacito / Chi è senza peccato scagli il primo mojito»).

Ovviamente c’è anche del buono, per quanto espresso in forma critica, anzi soprattutto perché espresso in forma critica. «La chiesa è un call center, io parlo col presidente», dice J-Ax. Concetto non nuovo (un tempo suonava «Cristo sì, Chiesa no»), e forse proprio perché, da questo punto di vista, si è fatto troppo poco. È comunque espresso in modo efficace: la Chiesa viene percepita come un’entità nella quale regna la confusione e che, soprattutto, vuole rifilarti qualche fregatura. Così, davanti alla chiamata della Chiesa-call center, è naturale buttare giù il telefono e prenderla in giro. Pretendendo invece un rapporto diretto con Dio, senza mediazioni. Una religione «a modo mio», individualista. C’è qualcosa che la Chiesa può fare per far percepire che essa è la comunità dei credenti, e non un’élite che inizia da papa e cardinali e finisce con il parroco, escludendo dunque i fedeli? Non è certo la domanda di J-Ax e compagnia bella, ai quali probabilmente il tema interessa poco. Però offrono il pretesto per raccoglierla.

Il secondo spunto che mi porto da questa canzone arriva in realtà prima: «La tecnologia è il nuovo Dio / Io non sono salvo / Nel nome dell’iPad, iPhone e lo Spirito Samsung». L’impressione è che sia una frase buttata lì, tanto per trovare un altro gioco di parole tra sacro e profano. Eppure davvero la tecnologia diventa idolo, quando nelle relazioni tra le persone manca l’umanità. Una dimensione da riscoprire, anche – perché no? – su internet. Facendo magari un dispetto a chi pensava con una canzoncina di spernacchiare il sentimento religioso, e riceve perfino un grazie per quel briciolo di contenuto interessante che una canzone comunque povera di contenuti presenta.

Riproduci video

Lorenzo Galliani

insegnante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via
Copy link
Powered by Social Snap