Ci vorrebbe una nuova Assemblea costituente per aggiornare le regole e modificare la legge elettorale.

Ci vorrebbe un ritorno al maggioritario e all’uninominale per dare al paese governi in grado di decidere e alternative politiche di governo. Invece l’intera classe politica italiana, maggioranza e opposizione assieme, nessuno escluso, sta cercando un accordo sul ritorno al proporzionale. Un fermo immagine che non cambi nulla di quel che c’è e di chi c’è, così com’è. Nulla deve cambiare. Nessuno deve perdere. Nessuno deve vincere. Tutti assieme per sé stessi. Effetto Lega e 5Stelle. Ma anche PD e Fratelli d’Italia. Per tacere del Renzi perdente.

Una separazione maggiore tra politica e cittadini non era immaginabile. Riformismo addio. Nessuna stabilità, se non la palude di un sistema bloccato; nessuna possibilità di governare; bensì l’autoreferenzialità dei politici e di quel che rimane dei singoli soggetti. La rinuncia del ceto politico a un progetto per il paese è la grande sconfitta istituzionale e democratica che emerge in maniera nitida – ma era già tutto in atto – dal coronavirus.

Con la competenza e la chiarezza che li contraddistingue, il costituzionalista Giovanni Guzzetta ci spiega – nello studio del mese pubblicato su Regno Attualità n. 14 – che cosa sta succedendo nella politica italiana e che cosa dovrebbe succedere se fossimo un paese responsabile.

 

Dopo la destrutturazione del sistema partitico della Prima Repubblica – ricorda il sociologo Roberto D’Alimonte in questo approfondimento – il Parlamento italiano è stato eletto fino a oggi con sistemi elettorali misti. Per la precisione sono stati 3. Il primo – la legge Mattarella – era un sistema prevalentemente maggioritario con una quota del 75% di collegi uninominali. È stato utilizzato nelle elezioni del 1994, 1996 e 2001. Il secondo – la legge Calderoli – era un sistema proporzionale con premio di maggioranza.

Logo-Re-blog-ROSSO

Re-blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via
Copy link
Powered by Social Snap