Il disagio dei preti. Pastori nuovi, nuovi pastori

Come stanno i preti? Ci sono segnali di disagio?

Sull’ultimo numero di Regno-Attualità è stato pubblicato lo psichiatra Raffaele Iavazzo fa il punto su segnali di crisi ad ampio spettro. Numerica, sociale – come perdita di un ruolo riconosciuto – e personale. Due i punti su cui occorre intervenire con urgenza: la formazione e segnatamente il seminario e la considerazione della sessualità. Su quest’ultimo aspetto egli afferma che all’osservazione che «la disciplina del celibato risulta diffusamente inosservata e con modalità molto imbarazzanti» e che molti, non tutti, presbiteri «hanno costruito una doppia morale» che abbina «un comportamento disinvolto e trasgressivo» mentre dichiarano allo stesso tempo fedeltà a parole al celibato; così altri hanno posizioni personalmente ipocrite sull’omosessualità.
Tutto questo ha un tratto unificante nella solitudine, come ha messo in luce la ricerca recente dei vescovi francesi.

Il dossier si può leggere gratuitamente qui

 

Sul numero di gennaio della rivista si può leggere  l’intervista che il presidente della Conferenza episcopale tedesca, mons. Georg Bätzing, ha rilasciato a Herder Korrespondenz. Qui la traduzione integrale dal titolo “Il cambiamento che vorrei”.

 

Tra gli altri contributi anche l’editoriale di Gianfranco Brunelli sulla CEI, le Chiese locali e i cambiamenti del paese, che abbiamo anticipato qui.

Re-blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via
Copy link
Powered by Social Snap