Commento alle letture per la liturgia della XXVIII domenica del tempo ordinario

Sap 7,7-11; Sal 90 (89); Eb 4,12-13; Mc 10,17-30

dalla Rubrica de Il Regno La Parola in cammino

Un’inclusione, alcune contrapposizioni e un gioco di sguardi: il testo che abbiamo di fronte (Mc 10,17-30) è costruito con non poca abilità.

L’inclusione riguarda il termine «vita eterna», che apre (v. 17) e chiude (v. 30) il nostro brano. Si tratta di una vita senza fine (zoe aionios), che confina col divino; è il mondo a venire, come conferma il v. 30. Il vero interesse del redattore marciano è questa vita senza fine nel mondo che deve venire e dove entrano i giusti.

Il ricco, abituato ad avere e a procurarsi tutto, chiede: «Che cosa farò per avere in eredità la vita eterna?», in parte contraddicendosi, perché un’eredità si riceve per lo più senza merito e senza aver fatto cose per guadagnarsela. Ma pare convinto di dover agire per procurarsela.

All’epoca le eredità erano soprattutto possedimenti fondiari, con o senza immobili. Corrispondevano a luoghi oltre che a beni. A ogni modo la domanda è genuina, proprio perché quel mondo senza fine che a lui interessa tocca ai giusti, quindi qualcosa ci sarà che si può fare.

          Le contrapposizioni sono sette (vv. 18, 20, 21, 22, 24 due volte, 26) e sono contrassegnate da una congiunzione avversativa del tipo «ma» o «invece», in greco de. Tre volte sono riferite a Gesù, due volte al ricco, due volte ai discepoli. La scena è dunque movimentata e il dialogo serrato.

Il ricco vuole sapere che cosa deve fare, e Gesù gli risponde con una domanda che non è interlocutoria, ma riguarda la sua stessa condizione di ricco desideroso di un oltre. Il ricco ha riconosciuto infatti che Gesù è un giusto, e come tale può e deve sapere come avere la vita del mondo a venire. Il maestro, con la sua risposta, rimanda direttamente al Primo Testamento, in cui si ribadisce che il Dio d’Israele è buono. Anzi, come attributo salvifico ṭob – «buono» – è solo di Dio, e perciò non intende riferirlo a sé. Piuttosto, dato che si allude al Dio del Sinai, il ricco viene rimandato ai comandamenti, a dire che non si esce dal patto con Israele e dalla Torah.

Com’è noto il termine «comandamento» non appartiene al lessico della tradizione esodica, dove si usa «parole» (dǝbarim) o «precetti» (miṣwot). Questi, come ogni dettato biblico, sono soggetti a interpretazione. Anzi ogni comandamento scritto era ed è vissuto nel contesto di un’interpretazione. Da qui l’appellativo «maestro» (didaskale, vv. 17.20). Perciò ci si può chiedere: quali comandamenti? Quelli solo scritti o interpretati da chi?

Gesù cita solo comandamenti scritti (vv. 18-19), con l’unica aggiunta di «non frodare» (me apostereses, v. 19), senza interpretazioni, e il ricco, che non deve essere giovane ma è semplicemente «uno» (eis, v. 17), dice di averli osservati fin da giovane con – questa sì – un’affermazione interlocutoria. Fa pensare che si aspetti qualcosa di più, almeno a livello interpretativo.

La risposta del maestro è dapprima uno sguardo profondo (emblepo è «guardare intensamente», «scrutare in profondità»), e poi un’indicazione molto complessa per un ricco dell’epoca: dovrebbe vendere tutto, cioè i terreni con gli immobili annessi, che magari non sono solo suoi, ma fanno parte di un patrimonio familiare su cui non è libero di decidere. Capisce di essere di fronte non solo a un’alienazione di beni, ma anche alla rescissione di legami e affetti familiari, di tradizioni, di un passato oltre che del suo presente.

Gesù non introduce nella sua risposta i poveri perché preoccupato per la loro indigenza, propone invece una sorta di scambio di beni tra terra e cieli, questo mondo e quello a venire (v. 21), per la via della giustizia che gli è stata chiesta.

Restano due sguardi: uno circolare sui discepoli (periblepsamenos, v. 23), che evidentemente sono lì attorno, e uno in profondità ancora verso di loro, analogo a quello verso il ricco (emblepsas, v. 27). Con questo sguardo Gesù apre per loro una sorta di via alla vita presente e a quella futura (vv. 29-30), mentre il lasciare tutto (emeis aphekamen panta, v. 28), su cui Pietro si mostra sicuro, ci dice indirettamente che quello sguardo è forse accompagnato dall’amore, come nel caso del ricco, o che così doveva essere stato anche al momento della loro chiamata al discepolato.

Stefania Monti

Biblista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap