«Non è solo la cronaca che ci parla della crisi dei preti. Sotto l’iceberg dei casi eclatanti sta emergendo la necessità di un profondo ripensamento del ministero presbiterale, frutto dell’incrocio tra più criticità». 

Lo scrive Maria Elisabetta Gandolfi nella Chiave di lettura pubblicata su Regno-Attualità nella rubrica libraria. Qui vengono legati insieme tre libri usciti da pochi giorni per EDB sul tema della crisi dei preti oggi. Sono i volumi a firma di E. Brancozzi, Rifare i preti. Come ripensare i seminariG. Daucourt, Preti spezzatiD. Cambareri, Contro don Matteo.

 

Gianni Baget Bozzo

E’ il protagonista dei «Giganti» ritratto da Luigi Accattoli: la sterminata mole di libri e articoli suoi e su di lui, le interpretazioni anche contraddittorie sulla sua eredità sono lo specchio realistico di una «personalità molteplice».

«Gianni Baget Bozzo è stato un grande – scrive Accattoli -: ma di quale grandezza? E su quale delle tante cattedre, pulpiti, testate, microfoni che gli furono offerti? Presente a due convegni che si fecero nel 2019 per il decennale della morte, posso attestare il vasto riconoscimento del ruolo da lui svolto nelle varie stagioni, ma debbo aggiungere che quel riconoscimento era proposto in una confusione delle lingue che più grande non potrebbe essere. La sua memoria viene tirata da ogni parte e gli si attribuiscono insegnamenti, lezioni e lasciti i più diversi, quasi tutti declinati in termini politici».

 

Vita nei boschi

È in tema ecologico la rubrica «Riletture» di M. Veladiano, dedicata al libro di Henry D. Thoureau, Walden, ovvero la vita nei boschi che parla di essenzialità, sobrietà e di «passare leggero sulla terra».

«È molto interessante che in questo percorso di riscoperta dell’essenziale abbia una grande parte proprio il pane – si legge nella rubrica -. Henry Thoreau impara a farsi il pane, dopo aver provato, sbagliato, studiato antichi processi di panificazione e trovato la ricetta giusta per il tempo e il luogo, di fare il «pane buono, dolce e sano, che è sostegno della vita» (106). Nel rifugio si fa il pane. Anche noi lo abbiamo riscoperto nella pandemia, dicono».

 

Di neve, di pioppi e di parole

Chi è Francesco Guccini? Domanda che ha affascinato tanti estimatori del cantautore – tra i quali anche il card. M. Zuppi che firma la Prefazione – e alla quale B. Salvarani e O. Semellini (Di neve di pioppi e di parole, Áncora) offrono risposte tramite i versi stessi del «maestrone», qui presentati da L. Galliani.

Re-blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via
Copy link
Powered by Social Snap