«Il Mediterraneo è un luogo dello spirito e non solo geografico. I confini del Mediterraneo arrivano fino in Ucraina. Per questo diciamo “No” alla guerra, “No” alla guerra, “No” alla guerra!» (Dario Nardella, sindaco di Firenze, domenica 27 febbraio). Nei giorni in cui è iniziata l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia era in programma a Firenze «Mediterraneo frontiera di pace 2», un evento ecclesiale e civile organizzato dalla CEI e dal Comune di Firenze che è divenuto uno dei luoghi dai quali si è elevata più alta l’opposizione alla guerra in corso.

L’evento, che si e posto anche come attualizzazione del pensiero e delle intuizioni di Giorgio La Pira, ha preso il via il 23 febbraio 2022 a Santa Maria Novella: 58 vescovi di altrettante Chiese affacciate sul Mediterraneo si sono confrontati per tre giorni per «riflettere sul ruolo delle nostre città e delle nostre Chiese nella costruzione di un Mediterraneo della solidarietà, capace di superare le sue crisi e i suoi drammi» (Bassetti).

 

Firmata la Carta di Firenze

Sabato 26, a Palazzo Vecchio, i vescovi si sono uniti a 60 sindaci provenienti dalle stesse aree per firmare, insieme, la Carta di Firenze, che contiene anche l’auspicio «che la violenza e le armi siano bloccate e siano evitate grandi sofferenze al popolo ucraino e si passi ad un negoziato che ricostruisca la pace».

Nella giornata conclusiva di domenica 27 doveva prendere la parola davanti ai vescovi e ai sindaci del Mediterraneo papa Francesco, che ha dovuto rinunciare alla visita per ragioni di salute. Su suo incarico ha concluso l’incontro il card. Bassetti, che ha ripetutamente fatto riferimento alla guerra in Ucraina: «Il mio pensiero e la mia preghiera vanno verso tutte quelle persone che adesso si trovano nei rifugi sotterranei e a coloro che stanno fuggendo», ha detto, lanciando poi un appello a tutti coloro che stanno combattendo: “«Vorrei usare le parole semplici di un vecchio sacerdote: vi prego, vi scongiuro, fermatevi! In nome di Dio, no alla guerra!». 

Guido Mocellin

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap