Giovedì 3

• La Sala Stampa della Santa Sede annuncia un secondo viaggio all’estero di Francesco nel 2022, dopo quello ormai imminente a Malta (2-3 aprile): a partire dal 2 luglio visiterà per cinque giorni la Repubblica democratica del Congo, e per i due successivi il Sud Sudan.

• Proseguono sull’account @Pontifex i tweet di preghiera per la pace in Ucraina, pubblicati anche nelle lingue dei due paesi in guerra. Martedì 8 verranno riprese le parole del dopo-Angelus di domenica (vedi sotto).

• Si apprende dall’agenzia cattolica tedesca Kath.net che papa Francesco ha risposto positivamente, il 6 febbraio scorso, a una lettera del prefetto emerito della Congregazione per la dottrina della fede, card. G.L. Müller, il quale, compiacendosi per la recente proclamazione di Ireneo di Lione «dottore della Chiesa», sottolineava le permanenti insidie dell’eresia gnostica.

 

Venerdì 4

• Papa Francesco presiede un concistoro ordinario pubblico per la canonizzazione di tre beati: Tito Brandsma, Maria Rivier e Maria di Gesù Santocanale. La celebrazione avverrà il prossimo 15 maggio: saranno canonizzati loro e altri sette, per i quali la data era rimasta sospesa a causa della pandemia.

• Nell’anno del suo centenario la Lega italiana per la lotta contro i tumori (LILT) va in udienza da Francesco, che l’accoglie con un breve discorso augurale.


Sabato 5

• L’Associazione Progetto Agata Smeralda è protagonista dell’udienza di questo sabato. Promuove l’adozione a distanza in collaborazione con l’arcidiocesi di Firenze. Le fonti definiscono «confidenziale» il discorso del papa.

• Con un telegramma inviato alla sorella Agnese, Francesco commemora il card. Agostino Cacciavillan, 95 anni, già presidente dell’Amministrazione del patrimonio della Sede apostolica (APSA), in precedenza nunzio apostolico negli Stati Uniti.

• A Castellaneta (Puglia), sede vacante dopo il trasferimento di Claudio Magnago a Catanzaro-Squillace (29.11.2021), papa Francesco nomina il francescano Sabino Iannuzzi, 52 anni, campano, che ha ricoperto incarichi di governo nell’Ordine dei frati minori.

 

Domenica 6

• Il Vangelo che il papa commenta all’Angelus è quello della I domenica di Quaresima. Indicando l’esempio di Gesù raccomanda: «Mai entrare in dialogo con il diavolo: è più astuto di noi. Mai! Essere aggrappati alla Parola di Dio come Gesù e al massimo rispondere sempre con la Parola di Dio».

• Nel dopo-Angelus (nel video dal minuto 14 in avanti) Francesco torna a soffermarsi sull’Ucraina, denunciando i «fiumi di sangue e di lacrime» che vi scorrono e la loro causa: «Non si tratta solo di un’operazione militare, ma di guerra, che semina morte, distruzione e miseria».

• Riferendosi all’Ucraina il papa annuncia anche l’invio nel paese dei cardinali Konrad Krajewski, elemosiniere, e Michael Czerny, prefetto ad interim del Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale: «per servire il popolo, per aiutare».


Lunedì 7

• Il Comitato organizzatore locale della prossima Giornata mondiale della gioventù (Lisbona, 1-6.8.2023) pubblica un video di 3 minuti in cui Francesco si rivolge ai giovani che stanno preparando l’evento, incoraggiandoli a essere creativi. Lo aveva registrato mons. A.M. Aguiar, ausiliare di Lisbona e presidente della Fondazione GMG Lisbona 2023, durante l’udienza concessagli il 3 marzo scorso.


Martedì 8

• A marzo l’intenzione di preghiera che Francesco affida mensilmente, attraverso un video di 100 secondi, alla Rete mondiale di preghiera del papa è: «Preghiamo perché noi cristiani, di fronte alle nuove sfide della bioetica, promuoviamo sempre la difesa della vita con la preghiera e con l’azione sociale.

• Alla Pontificia università urbaniana è in corso un Congresso internazionale sulle donne dottori della Chiesa e le compatrone d’Europa. Oggi, Giornata internazionale della donna, vi si legge un messaggio del papa, che afferma: «La sensibilità attuale del mondo esige che siano restituite alla donna la dignità e il valore intrinseco di cui l’ha dotata il Creatore».


Mercoledì 9

• Dal pomeriggio di domenica e fino all’11 marzo il papa, insieme alla curia romana, fa gli esercizi spirituali: per il secondo anno consecutivo, a causa dell’emergenza COVID, non si effettuano ad Ariccia in forma comunitaria ma ognuno vi provvede, ha detto Francesco, «in modo personale». Per questo motivo non si tiene l’udienza generale del mercoledì; anche gli altri impegni di Francesco sono sospesi.

Guido Mocellin

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap