«Il sostegno di molti gerarchi del Patriarcato di Mosca alla guerra del presidente Vladimir Putin contro l’Ucraina è radicato in una forma di fondamentalismo religioso etno-filetista ortodosso, di carattere totalitario, chiamato Russkii mir o “mondo russo”, una falsa dottrina che sta attirando molti nella Chiesa ortodossa ed è stata anche ripresa dall’estrema destra e dai fondamentalisti cattolici e protestanti».

La Dichiarazione sulla dottrina del «mondo russo» (Russkii mir), scritta da un gruppo di teologi ortodossi e pubblicata dal Centro per gli studi cristiani ortodossi della Fordham University e dall’Accademia di Volos per gli studi teologici, individua nella dottrina del «mondo russo» la «principale giustificazione per l’invasione» dell’Ucraina da parte della Federazione russa, e ne demolisce i fondamenti teologici come «eresia» da condannare come non ortodossa e di conseguenza da rifiutare.

La Dichiarazione – che è stata tradotta e pubblicata su Il Regno-Documenti – ha nel frattempo raccolto oltre un migliaio di firme, alcune anche dalla Russia.

«Condanniamo come non ortodosso e rifiutiamo qualsiasi insegnamento o azione che rifiuti di dire la verità, od occulti attivamente la verità sui mali che vengono perpetrati contro il Vangelo di Cristo in Ucraina – termina il Documento -. Condanniamo totalmente ogni discorso di «guerra fratricida», «ripetizione del peccato di Caino, che uccise il proprio fratello per invidia», se non riconosce esplicitamente l’intento omicida e la colpevolezza di una parte rispetto all’altra (cf. Ap 3,15-16)».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap