PapaNewsLink 28 aprile – 4 maggio 2022

Giovedì 28 aprile

• A Monreale il papa nomina vescovo mons. Gualtiero Isacchi, 51 anni, della diocesi di Albano, dove attualmente è vicario episcopale. Subentra a mons. Michele Pennisi, 75 anni, dimissionario per età.

Udienza del papa ad Ali Bongo Ondimba, presidente della Repubblica Gabonese, il quale successivamente è a colloquio con i vertici della Segreteria di stato. Tra Santa Sede e Gabon vige da 25 anni un Accordo Quadro.

• Incontrando 100 delegati della Papal Foundation, l’organizzazione statunitense che sostiene le necessità del papa e della Chiesa nel mondo e di cui sono membri ex-officio tutti i cardinali americani, il papa li ringrazia per la loro opera e per la loro generosità.

• In Aula Paolo VI vi sono 1.500 fedeli di Łódź (Polonia), pellegrini a Roma nel I centenario di erezione della loro diocesi. A loro papa Francesco raccomanda di trarre dal giubileo un nuovo slancio di evangelizzazione.

Venerdì 29

• Il papa conferma p. Francesco Patton custode di Terra Santa. È stato rieletto in questa carica, che detiene dal 2016, dal Definitorio generale dei frati minori. Vi rimarrà fino al 2025.

• Papa Francesco riceve la Pontificia commissione per la tutela dei minori, al termine della riunione plenaria. Spiega le ragioni della collocazione dell’organismo, codificata nella costituzione sulla curia romana Praedicate Evangelium, entro la Congregazione per la dottrina della fede e chiede che esso elabori un rapporto annuale sulle iniziative della Chiesa per la protezione dei minori e degli adulti vulnerabili.

• La plenaria della Pontificia accademia delle scienze sociali, convocata sul tema «La famiglia come bene relazionale», è ricevuta da Francesco.

 

Sabato 30

• Francesco torna in Aula Paolo VI per incontrare 2.500 fedeli slovacchi, accompagnati dalle autorità ecclesiali e civili, in pellegrinaggio di ringraziamento per la visita papale del settembre 2021. A margine le cronache annotano le parole del papa sul dolore al ginocchio: «Questa gamba non va bene, non funziona, e il medico mi ha detto di non camminare. (…) Per questo vi chiederò il sacrificio di salire le scale e vi saluto da qui, seduto».

 

Domenica 1 maggio

• Il papa nomina il cappuccino mons. Paolo Martinelli, 63 anni, finora ausiliare dell’arcidiocesi di Milano, vicario apostolico dell’Arabia del Sud. Sostituisce il confratello mons. Paul Hinder, 80 anni, dimissionario per età.

• Prima del Regina Caeli insieme ai fedeli presenti in piazza San Pietro, papa Francesco commenta il Vangelo domenicale. Dopo la preghiera mariana, ancora una volta le parole più intense sono rivolte alle sofferenze del popolo ucraino.

 

Lunedì 2

• Francesco aveva ringraziato i farmacisti per il loro servizio nel tempo della pandemia nell’introduzione della messa del 16 aprile 2020, trasmessa in diretta da Santa Marta perché si era in pieno lockdown, e lo ha rifatto incontrando i dirigenti della Federazione internazionale dei farmacisti cattolici.

• La Libreria Editrice Vaticana raccoglie nel volume Un padre e un custode. Catechesi su san Giuseppe le dodici riflessioni tenute da papa Francesco alle Udienze generali dal 17 novembre 2021 al 16 febbraio 2022. Prefazione di Giacomo Poretti.

 

Martedì 3

• Esce sul Corriere della Sera il resoconto di un colloquio tra il direttore del giornale, Luciano Fontana, e papa Francesco, per la maggior parte dedicato alla guerra intrapresa dalla Russia contro l’Ucraina e alle iniziative tentate dal papa e dalla Santa Sede perché l’aggressione abbia fine (ne abbiamo scritto anche qui).

• Come a ogni inizio mese, la Rete mondiale di preghiera del papa pubblica un’intenzione di preghiera che Francesco, attraverso un breve video, affida alla Chiesa. In maggio si prega «perché i giovani, chiamati a una vita in pienezza, scoprano in Maria lo stile dell’ascolto, la profondità del discernimento, il coraggio della fede e la dedizione al servizio».

 

Mercoledì 4

• Il premier giapponese Fumio Kishida è in Vaticano. Il papa si trattiene con lui 25 minuti affrontando, tra l’altro, il tema del possesso delle armi nucleari; poi la visita prosegue in Segreteria di stato.

• Ai partecipanti al convegno «Carisma e creatività. Catalogazione, gestione e progetti innovativi per il patrimonio culturale delle comunità di vita consacrata» giunge un messaggio di papa Francesco che tocca diverse questioni connesse con la gestione dei beni culturali ecclesiastici.

• All’Udienza generale, in piazza San Pietro, Francesco tiene l’ottava catechesi sulla vecchiaia: «Eleazaro, la coerenza della fede, eredità dell’onore». Di nuovo, prima della benedizione finale, si scusa per il fatto che il dolore al ginocchio lo costringe a salutare i pellegrini stando seduto.

Guido Mocellin

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap