Dal 27 marzo al 10 luglio 2022 si è tenuta ai Musei San Domenico di Forlì la mostra «Maddalena. Il mistero e l’immagine». Riproduciamo il comunicato diffuso il 14 luglio scorso dall’organizzazione della mostra.

«Unica», «incredibile», «perfetta»

Siamo arrivati al termine della mostra «Maddalena. Il mistero e l’immagine», una delle mostre più apprezzate dalla critica. Nonostante il blocco dovuto al Covid fino ai primi di aprile e il ritorno dei contagi, nonostante l’emergenza caldo e la guerra, nonostante tutto la mostra chiude con oltre 40.000 visitatori! Maddalena come Dante, possiamo dire. Tre mesi difficili: quasi senza scuole e con la ripresa dei contagi che ha scoraggiato molti gruppi alla visita. Eppure Forlì si conferma città d’arte tra le prime in Italia per qualità culturale e risposta dei visitatori.

«Una mostra unica e necessaria» per Giovanni Bazoli, presidente emerito di Intesa-Sanpaolo; «Incredibile per quantità di capolavori» per il direttore del Brooklyn Museum di New York, Peter Trippi; «Sono meravigliata come si possa allestire una mostra così» ha dichiarato Elisabeth Prettejohn, docente di storia dell’arte all’Università di York; «Perfetta per la qualità della costruzione tematica» per il card. José Tolentino de Mendonça, teologo e poeta, archivista e bibliotecario del papa; «Sublime» per Vittorio Sgarbi: solo alcuni tra i giudizi espressi tra i nostri visitatori illustri.

 

Chi erano i visitatori

Molte novità anche tra i visitatori. Il 39% dei visitatori è venuto per la prima volta in mostra, 2.000 di questi sono stati inglesi e francesi e si conferma una quota elevata di affezionati, nonostante poco più del 20% non fosse mai stata a Forlì. Più singoli che gruppi, a motivo del Covid, mentre il gradimento è – per generazioni – trasversale. Molto alto anche il target dei visitatori per livello di istruzione: il 51% dei visitatori sono laureati, il 10% ha una specializzazione post-laurea, mentre il 31% ha un diploma superiore. Le visitatrici donne si confermano al primo posto con oltre il 60%.

«Appena la scuola tornerà nella possibilità di riattivare pienamente le visite esterne – ha detto il capo del Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione del Ministero dell’istruzione, Stefano Versari, in visita con un folto gruppo di dirigenti dell’Emilia-Romagna e del Ministero – le grandi mostre al San Domenico torneranno a essere per noi una priorità visto l’elevato livello culturale delle mostre forlivesi».

 

La collaborazione degli altri musei

La mostra ha anche attivato una speciale collaborazione con diversi musei civici: oltre che con i musei forlivesi, è partita quella con Faenza per promuovere il territorio, in aggiunta ai 71 musei religiosi italiani collegati con la mostra.

In poche parole: un grandissimo successo che non vede l’ora di riaffermarsi l’anno prossimo con una nuova sfida! Il tutto grazie alla Fondazione della Cassa dei Risparmi di Forlì, a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione e, soprattutto, a tutti voi che avete visitato «Maddalena. Il mistero e l’immagine».

Nel frattempo, le opere stanno pian piano lasciando i Musei San Domenico per tornare all’ubicazione originale: un ringraziamento anche a tutti i musei e gli enti che ci hanno concesso di esporle!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap