In vista dell’incontro su «La coscienza e il potere», che Il Regno e la Comunità di Camaldoli hanno organizzato presso il monastero dal 29 settembre al 2 ottobre prossimi, proseguiamo la presentazione qui su Re-blog dei vari autori presenti.

Luciano Violante

«Legge dello stato e legge del cuore. La follia di Antigone» è il titolo sul quale parlerà l’1 ottobre, nel corso della V sessione dell’Incontro di Camaldoli, Luciano Violante. Magistrato e politico, si laurea in giurisprudenza a Bari nel 1963 ed entra in magistratura nel 1966. Nel 1970 diventa libero docente di diritto penale presso l’Università di Torino. Dal 1974 al 1981 è professore incaricato di istituzioni di diritto pubblico presso la stessa università. Dal 1977 al 1979 lavora presso l’ufficio legislativo del Ministero di grazia e giustizia e si occupa prevalentemente della lotta contro il terrorismo. Nel 1983 vince la cattedra di istituzioni di diritto e procedura penale e si dimette dalla magistratura. Dal 1979 è deputato, prima nelle liste del PCI e poi nelle liste del PDS. Fa parte della Commissione d’inchiesta sul caso Moro, della Commissione Antimafia, del Comitato parlamentare per i servizi di sicurezza, della Commissione per la riforma del Codice di procedura penale, della Commissione Giustizia e della Giunta per il Regolamento della Camera dei deputati. È presidente della Commissione Antimafia dal settembre 1992 al marzo 1994.

Dal 1994 al 1996 è vice presidente della Camera dei deputati. Nella XIII legislatura viene eletto, il 10 maggio 1996, presidente della Camera dei deputati. Rieletto deputato nel 2001 e nel 2006, è presidente del gruppo Democratici di sinistra-l’Ulivo nella XIV legislatura e presidente della Commissione affari costituzionali nella XV legislatura. È presidente onorario della Fondazione «Italia decide» e dal 4 febbraio 2019 è presidente della Fondazione Leonardo. Il 30 marzo 2013, su invito del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, entra a far parte del gruppo di lavoro finalizzato alla presentazione di proposte programmatiche in materia istituzionale, economico-sociale ed europea.

Tra le pubblicazioni: La mafia dell’eroina, Editori Riuniti, Roma 1987; I corleonesi, l’Unità, Roma 1993; Non è la piovra, Einaudi, Torino 1995; La Cantata per i bambini morti di mafia, Bollati Boringhieri, Torino 1995. Ha curato i volumi Dizionario delle istituzioni e dei diritti del cittadino, Editori Riuniti, Roma 1996; Mafie e antimafia – Rapporto 1996, Mafia e società italiana – Rapporto 1997 e I soldi della mafia – Rapporto 1998, tutti editi da Laterza; L’Italia dopo il 1999. La sfida per la stabilità, Mondadori, Milano 1998; Le due libertà. Contributo per l’identità della sinistra, Laterza, Roma-Bari 2000; Governare. Beati quelli che amministreranno la città con gli occhi dell’altro, San Paolo, Cinisello Balsamo 2014; Il dovere di avere doveri, Einaudi, Torino 2014; Democrazie senza memoria, Einaudi, Torino 2014; Giustizia e mito. Con Edipo, Antigone e Creonte, con M. Cartabia, Il Mulino, Bologna 2018; Magistrati, Einaudi, Torino 2019; Insegna Creonte. Tre errori nell’esercizio del potere, Il Mulino, Bologna 2021; Senza vendette. Ricostruire la fiducia tra magistrati, politici e cittadini. Dialogo con Stefano Folli, Il Mulino, Bologna 2022.

 

Kurt Appel

Nel pomeriggio di venerdì 30 settembre, III sessione dell’Incontro, Kurt Appel interverrà su «Menzogna, manipolazione, oppressione. Riflessioni a partire da G. Orwell». Professore ordinario di Teologia fondamentale e Filosofia della religione e Direttore del centro interdisciplinare di ricerca Religion and Transformation in Contemporary Society presso l’Università di Vienna, Appel è stato docente presso la Facoltà teologica dell’Italia settentrionale (Milano) nel 2004, la Facoltà teologica dell’Emilia Romagna (Bologna) nel 2009, ancora la Facoltà teologica dell’Italia settentrionale (Milano) nel 2010-2015, la Facoltà teologica Valdese (Roma) nel 2016, il Dipartimento di lettere e di filosofia dell’Università di Trento nel 2017; l’Università di Denver nel 2020; l’Università di Perugia nel 2022.

Tra le pubblicazioni in italiano: Quando il cielo si squarcia. Il corano come Evangelo per i cristiani, EDB, Bologna 2021; Trinità e apertura di Dio, Pazzini, Rimini 2021; Tempo e Dio. Aperture contemporanee a partire da Hegel e Schelling (BTC 187), Queriniana, Brescia 2018; Apprezzare la morte. Cristianesimo e nuovo umanesimo, EDB, Bologna 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Share via
Copy link
Powered by Social Snap