Giovedì 16

Najib Mikati, primo ministro del Libano, va in udienza da papa Francesco e successivamente incontra la Segreteria di stato. Il comunicato ufficiale vaticano parla della «preoccupazione della Santa Sede per la difficile situazione socio-economica che la popolazione libanese sta vivendo, aggravata dallo stallo istituzionale in cui versa il paese».

• Un pellegrinaggio educativo interreligioso nei luoghi sacri della Chiesa cattolica ha portato cento membri dell’United Association of Humanistic Buddhism da Taiwan a Roma, dove incontrano papa Francesco.

• Oggi in udienza da papa Francesco anche: Celmo Lazzari (San Miguel de Sucumbíos, vicario apostolico); Boris Rhein (presidente dell’Assia – RFG); card. Mario Grech (Segreteria generale del Sinodo), con i membri della Commissione per la XVI Assemblea generale ordinaria; card. Baltazar Enrique Porras Cardozo (Caracas); Paolo Del Brocco (Rai Cinema).

 

Venerdì 17

• L’iniziativa quaresimale «24 ore per il Signore» è promossa in tutto il mondo dal Dicastero per l’evangelizzazione. Anziché in San Pietro, quest’anno papa Francesco presiede la celebrazione della penitenza nella parrocchia romana di Santa Maria delle Grazie al Trionfale, dove ribadisce, in un’omelia, il suo insegnamento sul sacramento della riconciliazione («un incontro di festa») e dove confessa alcuni fedeli.

• Riguarda il Dicastero per l’evangelizzazione anche un decreto (datato 1.8.2022 ma diffuso oggi) con il quale papa Francesco stabilisce che la rappresentanza legale piena della Sezione per la prima evangelizzazione e le nuove Chiese particolari sia attribuita al pro-prefetto di tale Sezione. Un rescritto del pro-prefetto card. L. Tagle, in pari data, dispone che tale Sezione abbia due segretari aggiunti. 

• Tra le iniziative dei giuseppini del Murialdo per celebrare il 150° di fondazione della congregazione rientra anche l’incontro a Roma con papa Francesco, dopo che per l’apertura dell’anno giubilare (2022) egli aveva inviato loro una lettera.

• Papa Francesco oggi riceve in udienza anche i vescovi del Burundi in visita ad limina.

 

Sabato 18

• La consueta udienza del sabato in Aula Paolo VI questa settimana è riservata ai profughi giunti in Italia attraverso i «corridoi umanitari», promossi dalla Comunità di Sant’Egidio insieme alla Federazione delle Chiese Evangeliche, alla Tavola Valdese e alla Chiesa italiana. 

• I giovani del progetto Policoro della CEI invece incontrano papa Francesco nel Palazzo Apostolico. Quest’anno il percorso di formazione sociopolitica è intestato alla pace, tema che il papa definisce «urgente a causa della situazione attuale», mentre stigmatizza «la politica che esercita il potere come dominio e non come servizio».

Altre udienze odierne di papa Francesco: card. Marc Ouellet (Dicastero per i vescovi); card. Mauro Piacenza (penitenziere maggiore) con Krzysztof Józef Nykiel (reggente della Penitenzieria apostolica); Anne Hidalgo (sindaco di Parigi); card. Carlos Osoro Sierra (Madrid).

• Il corpo della Guardia Svizzera comunica la nomina, effettuata da papa Francesco lo scorso 7 marzo, del nuovo maggiore, il tenente Dominik Tännler, 47 anni, di Hasliberg. Come «capo della sicurezza, si assumerà la responsabilità dell’impiego dei servizi, delle operazioni, della centrale e della pianificazione delle operazioni». 

 

Domenica 19

• Nella IV domenica di Quaresima papa Francesco commenta in piazza San Pietro, prima dell’Angelus, il brano evangelico in cui Gesù «ridona la vista a un uomo cieco dalla nascita».

• Il calendario civile/commerciale segna per oggi anche la festa del papà, data scelta per l’attrazione della solennità di San Giuseppe (che però quest’anno, liturgicamente, slitta al 20 marzo). Papa Francesco invita perciò i fedeli in pazza San Pietro, dopo l’Angelus (nel video dal minuto 14.45), a recitare «per i papà» un Padre nostro. Non mancano parole di solidarietà per le vittime del terremoto in Ecuador e della guerra in Ucraina, e di plauso per i partecipanti alla Maratona di Roma. 

 

Lunedì 20

• Si scrive Unione nazionale attrazionisti viaggianti (UNAV) e si legge «giostrai». Papa Francesco ne riceve i rappresentanti (accompagnati dall’ottantenne suor Genevieve Jeanningros, che vive al Luna Park di Ostia), e li chiama «seminatori di gioia».

Maria Luisa Berti e Manuel Ciavatta incontrano prima papa Francesco e successivamente la Segreteria di stato in qualità di capitani reggenti della Repubblica di San Marino, con la quale la Santa Sede mantiene «eccellenti relazioni».

• Oggi in udienza da papa Francesco anche: Francesca Di Giovanni (già sotto-segretario alla Segreteria di stato); card. Silvano Maria Tomasi (Ordine di Malta, delegato speciale); Miguel Maury Buendia (nunzio in Romania e in Moldavia); card. José Tolentino de Mendonça (Dicastero per la cultura e l’educazione).

 

Mercoledì 22

• All’Udienza generale l’ottavo appuntamento del ciclo «La passione per l’evangelizzazione: lo zelo apostolico del credente» è intitolato «La prima via di evangelizzazione: la testimonianza» ed è incentrato sull’esortazione apostolica montiniana Evangelii nuntiandi, della quale papa Francesco ha, notoriamente, la massima considerazione, considerandola tuttora la «magna charta dell’evangelizzazione».

• Al termine della catechesi (nel video dal minuto 55.39) si segnalano tre sottolineature di papa Francesco. Rivolto ai pellegrini polacchi, li loda per l’iniziativa della campana «La voce dei non nati», che ha benedetto prima dell’udienza e che viene donata allo Zambia. Richiama l’odierna Giornata mondiale dell’acqua e la II Conferenza ONU dell’acqua, in corso a New York. Riferendosi alla prossima solennità dell’Annunciazione (25 marzo) ricorda la consacrazione di Russia e Ucraina al Cuore immacolato di Maria celebrata nel 2022, raccomandando che sia rinnovata ogni anno dai credenti e dalle comunità.

Mocellin

Guido Mocellin

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via
Copy link
Powered by Social Snap