Il Gruppo di Dombes e la cattolicità dell’unica Chiesa di Cristo

«Credo la Chiesa una, santa, cattolica e apostolica»: così tutti i cristiani affermano nella professione di fede che risale al 381 d.C. Ma se tutta la Chiesa è cattolica, che cosa significa questo per i rapporti tra le confessioni? E perché una sola tra le confessioni si proclama cattolica (la Chiesa di Roma)?

Il nuovo lavoro del Gruppo ecumenico di Dombes, presentato il 17 novembre, esamina proprio questo termine di notevole peso ecclesiologico ed ecumenico, come già in precedenza aveva fatto con i concetti di «comunione» e «conversione», caratterizzati da una storia carica di significato, ma anche di una certa portata divisiva.

Il libro s’intitola «De toutes les nations…». Pour la catholicité des Églises, ed è pubblicato dalle Éditions du Cerf di Parigi. Il Gruppo di Dombes, fondato nel 1937 su iniziativa dell’abbé Paul Couturier, conta 35 membri cattolici e protestanti di Francia, Belgio e Svizzera. I suoi documenti, tradotti in molte lingue (vedi in fondo), sono un riferimento nel dialogo ecumenico.

 

Caratteristica di tutte le Chiesa

Come hanno spiegato nella presentazione i due neoeletti (in agosto) co-presidenti del Gruppo, il cattolico Joseph Famerée e la protestante Élisabeth Parmentier, la riflessione ha esaminato il concetto di cattolicità in senso geografico – l’universalità della Chiesa su tutta la terra – e storico, per valorizzarne la profondità e la qualità ecumenica, superare la visione diffusa per cui solo la Chiesa di Roma è «cattolica», mettere in luce il significato di universalità, unità nella diversità, pienezza del Vangelo annunciato a tutte le culture e le esperienze umane.

Concludendo che la cattolicità è quindi, e deve essere, una caratteristica di tutte le Chiese: protestanti, anglicane, ortodosse o cattoliche. Ma per arrivare a questo dev’essere una cattolicità «convertita». L’idea di conversione è il tratto interpretativo caratteristico del «metodo Dombes».

 

Cattolicità e globalizzazione

Il lavoro ha richiesto al Gruppo molto tempo, perché il tema della cattolicità è legato a tutti i temi fondamentali dell’ecumenismo: unità nella diversità, identità ecclesiale, qualità delle relazioni reciproche. E quindi ministeri, strutture, confessione di fede, tutte questioni che hanno impegnato la ricerca dell’unità fino a oggi.

La cattolicità, in quanto progetto di costruzione relazionale, si può anche leggere – ha osservato Parmentier – in controluce alla globalizzazione, acquisendo un senso quanto mai attuale.

L’attuale situazione ecumenica mostra una nuova ricomposizione interna delle Chiesa, l’apparizione di nuove Chiese, ma d’altra parte anche la relativizzazione di fatto delle frontiere confessionali, e quindi richiede un riesame aggiornato della questione dell’unità all’interno delle Chiese e tra le Chiese. «Se guardiamo la situazione umana, sociale, culturale, politica del nostro mondo, pensiamo che se la Chiesa coltiva la cattolicità al suo interno può offrire un modello al mondo lacerato e conflittuale del nostro tempo» (Famerée).

 

Utilizzata per approfondire le divisioni

Il volume è strutturato in 7 parti. Dopo una presentazione aggiornata delle Chiese evangeliche e cattolica si passa a una trattazione storica di come la cattolicità lungo i secoli è stata intesa e vissuta, ma anche utilizzata e strumentalizzata per approfondire le divisioni.

Questo è un modo particolarmente nuovo di guardare alla questione.

C’è anche una parte biblica, che esamina la radice del concetto nelle Scritture anche se il termine cattolicità non è biblico, e poi due parti speculari rispettivamente su cattolicità e Riforma e cattolicità e Chiesa cattolica.

Infine, secondo il metodo classico del Gruppo, sono prospettate alcune possibilità di conversione per le Chiese per vivere più pienamente questa caratteristica dell’unica Chiesa. Per concludere che le Chiese cattoliche ed evangeliche formano una sola Chiesa e si trovano già in una comunione imperfetta, anche se non sono ancora state superate tutte le divergenze.

 

Le opere del Gruppo di Dombes in italiano

Verso una stessa fede eucaristica? Accordo tra cattolici e protestanti, AVE, Roma 1973.

Il ministero episcopale (1977)

Lo Spirito Santo, la Chiesa e i sacramenti (1980)

Il ministero di comunione nella Chiesa universale (1986)

Per la conversione delle Chiese (1991)

Maria nel disegno di Dio e nella comunione dei santi. I parteII parte (1998)

Un solo maestro. III (2005)

«Voi dunque pregate così». Gruppo di Dombes – 12 – 34 (2011)

Sala

Daniela Sala

Caporedattrice documenti per “Il Regno”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via
Copy link
Powered by Social Snap