PapaNewsLink 30 novembre – 6 dicembre 2023

Giovedì 30 novembre

• Il tema delle parole di papa Francesco ai membri della Commissione teologica internazionale (ai quali consegna il discorso preparato e si rivolge a braccio) è la presenza e il ruolo della donna nella Chiesa. Centrale il passaggio sulla compresenza nella Chiesa, di cui egli qui torna a parlare, tra principio mariano e principio petrino; ma le agenzie sono più attratte dal verbo «maschilizzare» / «smaschilizzare» la Chiesa, che il papa usa per indicare, rispettivamente, un peccato del passato e un compito per il futuro.

• Quella odierna è un’altra giornata fitta di udienze per papa Francesco, che, come dice ai partecipanti al seminario di «Etica nella gestione della salute», è ancora convalescente per la «bronchite molto acuta» che lo ha colpito dal 25 novembre. Oggi incontra anche: William Terrence McGrattan, (Calgary, presidente Conferenza dei vescovi cattolici canadesi) con Pierre Goudreault (Sainte-Anne-de-la-Pocatière, vicepresidente) e Jean Vézina (segretario generale); Dieudonné Datonou (nunzio in Burundi); Khétévane Bagration de Moukhrani (ambasciatore Georgia, in congedo); Gustavo Luis Boquin (Università cattolica argentina, vicerettore); Federico Lombardi con gli assegnatari del «Premio Ratzinger»; membri del Comitato e della Fondazione Giornata mondiale della gioventù Lisbona 2023; Heiner Wilmer (Hildesheim).

• I comunicati ufficiali definiscono «tradizionale» lo scambio di delegazioni tra la Santa Sede e il Patriarcato Ecumenico in occasione delle «rispettive feste dei santi patroni» Pietro e Paolo (Roma, 29 giugno) e Andrea (Istanbul, 30 novembre). Anche quest’anno papa Francesco affida al card. Kurt Koch, prefetto del Dicastero per la promozione dell’unità dei cristiani e capo-delegazione, un messaggio per il patriarca Bartolomeo.

 

Venerdì 1 dicembre

• 600 seminaristi francesi sono riuniti a Parigi per una tre giorni di formazione. Papa Francesco li raggiunge con un messaggio a firma del card. Parolin, nel quale ribadisce che il celibato si trova «al cuore» dell’«identità» sacerdotale e raccomanda ai futuri preti di «conoscere l’odore delle pecore» che saranno loro affidate.

• Un altro messaggio, questa volta direttamente firmato da papa Francesco, viene indirizzato alla Consociatio internationalis studio iuris canonici promovendo, che a Roma tiene oggi, nel 50° della sua fondazione, il convegno «Cinquant’anni di promozione del diritto canonico nel panorama mondiale della scienza giuridica». Contiene l’auspicio papale per «un diritto canonico più pastorale e missionario».

• Ai funerali di Indy Gregory, 8 mesi, morta a seguito del distacco dei supporti vitali disposto dalla magistratura inglese su parere dei medici e contro il volere dei genitori, il vescovo di Nottingham, Patrick McKinney, legge il testo di un telegramma di papa Francesco.

• Oggi papa Francesco riceve in udienza: Fernando Chica Arellano (osservatore permanente presso FAO, IFAD e PAM); José David Correa González (Sodalizio di vita cristiana).

 

Sabato 2

• A Dubai, alla COP28 (Conferenza delle parti: è il più alto organismo decisionale all’interno della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici), oggi doveva parlare papa Francesco: lo fa per lui il card. Pietro Parolin, che guida la delegazione della Santa Sede e legge un discorso in cui il papa ribadisce i punti focali della linea vaticana. Essi vanno dal riconoscimento della responsabilità umana nel cambiamento climatico all’attribuzione alle Chiese di un ruolo culturale, per accrescere la consapevolezza sociale e cambiare le abitudini personali, familiari e sociali.

• Rimasto a Roma, papa Francesco prosegue con l’attività ordinaria e riceve: card. Robert Francis Prevost (Dicastero per i vescovi); Franc But (nuovo ambasciatore di Slovenia); Antonio Di Donna (Acerra).

 

Domenica 3

• Anche la giornata odierna vede papa Francesco attivo contemporaneamente a Dubai e in Vaticano. Nella capitale degli Emirati Arabi Uniti che ospita la COP28 si proietta un suo videomessaggio di due minuti nel corso dell’inaugurazione del Faith Pavillon, dove poi il card. Parolin legge un più articolato messaggio, incentrato sull’idea che «ogni autentico credo religioso è sorgente di incontroe di azione», in particolare quella di «custodire la pace».

• In Vaticano invece le condizioni di salute suggeriscono a papa Francesco di pregare l’Angelus con i fedeli in piazza San Pietro utilizzando la stessa modalità della domenica precedente (26 novembre): collegamento video da casa Santa Marta e presenza, al suo fianco, di mons. Paolo Braida. Mentre il papa pronuncia i saluti iniziale e finale, la preghiera mariana e la benedizione, quest’ultimo legge in sua vece la catechesi sul Vangelo di questa I domenica di Avvento e le parole che, dopo l’Angelus (nel video dal minuto 10’50”), segnalano le questioni che il papa ha più a cuore: oggi sono la situazione in Israele e Palestina, l’attentato avvenuto a Mindanao (Filippine) durante una messa, i lavori della COP28, l’odierna Giornata internazionale delle persone con disabilità.

 

Lunedì 4 – Martedì 5

• Presente papa Francesco, si riunisce nuovamente in Vaticano, oggi e domani, il C9, ovvero il Consiglio di cardinali che proprio quest’anno papa Francesco ha rinnovato. I media vaticani riferiscono che «il tema principale è stato il “ruolo femminile nella Chiesa”» e che «la conversazione è stata alimentata» dagli interventi di suor Linda Pocher, di Lucia Vantini e di don Luca Castiglioni.

 

Mercoledì 6

• Per l’Udienza generale, papa Francesco è presente nell’Aula Paolo VI, assistito da mons. Filippo Ciampanelli per la lettura della catechesi n. 29 del ciclo «La passione per l’evangelizzazione: lo zelo apostolico del credente» (il tema di oggi: «L’annuncio è nello Spirito Santo») e per i saluti ai pellegrini.

• Prende personalmente la parola invece papa Francesco per ricordare ancora una volta (prima di dare la benedizione; nel video dal minuto 40’50”) «di pregare per quanti soffrono il dramma della guerra, in particolare le popolazioni dell’Ucraina, di Israele e di Palestina. La guerra sempre è una sconfitta. Nessuno guadagna, tutti perdono. Soltanto guadagnano i fabbricanti delle armi».

• Prima dell’Udienza generale, papa Francesco incontra (per la terza volta) Roselyne Hamel, la sorella del sacerdote francese barbaramente ucciso nel 2016 nella sua chiesa parrocchiale a Rouen e per il quale è avviato il processo do beatificazione.

• Compiuti i 75 anni, lascia il ministero attivo il vescovo Giancarlo Maria Bregantini, religioso stimmatino, noto per il suo impegno sociale, in particolare nel periodo trascorso alla guida della diocesi di Locri-Gerace (1994-2007). Al suo posto, come arcivescovo di Campobasso-Boiano, papa Francesco nomina Biagio Colaianni. 66 anni, è attualmente vicario generale e moderatore della curia nell’arcidiocesi di Matera-Irsina, dove in precedenza ha ricoperto numerosi altri incarichi.

Mocellin

Guido Mocellin

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via
Copy link
Powered by Social Snap