Lunedì 20

• Dopo le anticipazioni diffuse il 25 aprile, la CBS ha mandato in onda ieri una parte dell’intervista che papa Francesco ha registrato il 24 aprile scorso con Norah O’Donnell, direttrice di CBS Evening News. Di tale colloquio le agenzie, come l’ANSA recepiscono, in accordo con gli stessi media vaticani, una distinzione tra le benedizioni alle persone omosessuali e quelle alle unioni «di tipo omosessuale» che pare interpretare la recente dichiarazione del Dicastero per la dottrina della fede «Fiducia supplicans».

• Una delegazione di dirigenti della Loyola University di Chicago, pellegrina nei luoghi ignaziani, incontra papa Francesco, che raccomanda loro – scrive Carol Glatz sul sito dell’episcopato USA – di non temere i conflitti, ma di imparare a risolverli con la cooperazione e l’impegno.

• Il Bollettino della Sala stampa annota che oggi papa Francesco presiede una riunione dei capi dicastero della curia romana.

• Per la scomparsa del presidente iraniano Ebrahim Raisi, morto ieri in un incidente aereo, papa Francesco ha inviato un telegramma di cordoglio alla guida suprema dell’Iran, l’ayatollah Sayyed Ali Hosseini Khamenei. Ne dà notizia Vatican News.

• Come ogni anno, l’Assemblea della Conferenza episcopale italiana si apre con un incontro a porte chiuse con papa Francesco. I principali temi del dialogo sono, secondo Vatican News, le migrazioni, il calo delle vocazioni e gli accorpamenti delle diocesi.

 

Martedì 22

• Un convegno organizzato presso la Pontificia università urbaniana per i 100 anni del Concilium Sinense offre a papa Francesco, attraverso un videomessaggio, di sottolineare, scrive Asianews, il contributo che i cattolici cinesi possono offrire per la pace: «Chi segue Gesù ama la pace, e si trova insieme a tutti quelli che operano per la pace». 

• È durata tre mesi esatti l’indagine canonica preliminare «relativa a una accusa anonima» contro il card. Gérald C. Lacroix, arcivescovo di Québec e membro del C9, affidata l’8 febbraio da papa Francesco ad André Denis, giudice della Corte superiore del Québec. Da un comunicato della Sala stampa della Santa Sede, ampiamente commentato in un servizio dell’edizione francofona di Vatican News, si apprende infatti che in base a tale indagine, conclusasi il 6 maggio, non è identificabile «alcuna azione che si configuri come cattiva condotta o abuso» da parte del cardinale canadese.

Mocellin

Guido Mocellin

Giornalista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via
Copy link
Powered by Social Snap