Il nuovo Messale italiano e il dibattito sul “pro multis”

Il Messale italiano prende posizione su uno dei punti più controversi del recente dibattito liturgico e in specifico sulla traduzione dell’espressione «pro multis» – che viene pronunciata dal sacerdote durante la consacrazione («Prendete, e bevetene tutti: questo è il calice del mio Sangue per la nuova ed eterna alleanza, versato per voi e per tutti in remissione dei peccati») – mantenendo il «per tutti», che era stato contestato da una lettera di Benedetto XVI.

Continua a leggere

Il Triduo sulla stessa barca

Nove qualificati e appassionati uomini e donne della Chiesa italiana (Serena Noceti, Vittorio Berti, Andrea Grillo, Enzo Biemmi, Simone Morandini, Marco Giovannoni, Riccardo Saccenti, Fabrizio Mandreoli, Alessandro Cortesi) hanno creato un sito, Insieme sulla stessa barca, come «proposta di cammino attraverso le settimane incerte, dolorose e faticose della pandemia». La loro prima parola è un

Continua a leggere

Se i riti pasquali sono sganciati dalla celebrazione liturgica

L’emergenza sanitaria da epidemia di coronavirus travolge, è il caso di dire, anche le religioni (sul sito www.diresom.net si può trovare un’ampia rassegna di documenti e di brevi commenti su diritto, religione e Covid-19). E non fa sconti neanche alla Chiesa cattolica, alle prese con l’affrontare una situazione inedita per tutti. Le sospensioni delle celebrazioni eucaristiche, di altri riti liturgici e

Continua a leggere